Vigi’Fall, nuovo dispositivo per sicurezza anziani

04/07/2013

Il Consorzio FallWatch, guidato dalla start-up francese Vigilio S.A., condensa un patrimonio europeo di tecnologia e competenza in un piccolo cerotto triangolare – Vigi’Fall – che può essere applicato in maniera permanente e non intrusiva. L’interazione tra il dispositivo indossato dall’utente, i sensori di movimento a raggi infrarossi installati nell’abitazione e una centralina di controllo, garantisce una accurata rilevazione di una grave caduta e l’intervento tempestivo dei soccorsi. La fase successiva del progetto, FallWatch DEMO, mira a ottimizzare ancora di più funzionalità e precisione, incorporando un sistema di monitoraggio del battito cardiaco (i progetti FallWatch e FallWatch DEMO hanno ricevuto dalla Commissione Europea un finanziamento complessivo di circa 2 milioni di euro). Nel dettaglio, Vigi’Fall è basato su un sistema di sensori. Un biosensore è indossato dall’utente, mentre una serie di altri sensori sono posizionati in modalità wireless all’interno dell’abitazione, esattamente come funziona per gli antifurti domestici. Se l’utente incorre in una caduta, oltre al segnale emesso dal biosensore indossato, i sensori da parete rilevano l’assenza di movimento e trasmettono un segnale alla centralina di controllo, anch’essa posizionata all’interno dell’abitazione. 

La centralina si collega automaticamente via telefono a un call centre oppure a un operatore sanitario preposto. Per distinguere le vere cadute dai falsi allarmi, il dispositivo è dotato di un software data-fusion che permette di analizzare la natura della caduta (con o senza urto) e la postura del paziente. In caso l’incidente avvenga in una casa di cura, l’operatore sanitario può intervenire immediatamente. Per le persone che vivono da sole, l’operatore del call center tenta di contattare l’utente per telefono. Se la chiamata rimane senza risposta, vengono mobilitati immediatamente la famiglia o il contatto di riferimento in caso di pericolo.